Nuovi farmaci per psoriasi, artrite psoriasica, epatite C, ca gastrico e obesità

Posted on

Studi clinici basati su esami strumentali effettuati in pazienti senza  sintomatologia dolorosa evidenziano addirittura la presenza dell’artropatia nella metà soggetti con psoriasi sulla cute.

L’artropatia psoriasica insorge quasi sempre dopo la comparsa della forma cutanea della psoriasi (anche dopo molti  anni). Coinvolgimento articolare, dattilite e entesite, manifestazioni cutanee… sono questi alcuni degli elementi che un medico deve considerare nella valutazione dell’artrite psoriasica. Non esiste un test unico e decisivo per la diagnosi dell’artrite psoriasica. I sintomi di artrite psoriasica possono essere simili a quelli di altre malattie quali l’artrite reumatoide, la gotta e l’artrite reattiva. In caso di dubbi, la contemporanea presenza di psoriasi sulla pelle e di lesioni alle unghie depone in favore di una diagnosi di artrite psoriasica. Allo stesso modo, è possibile avere la gotta insieme a psoriasi e artrite psoriasica. Verrà esaminato il fluido aspirato dall’articolazione interessata per capire se siamo di fronte ad una diagnosi di gotta o di artrite psoriasica. L’esame microscopico del liquido articolare permette di evidenziare i cristalli di acido urico che sono assenti nell’artrite psoriasica. Spesso i pazienti con artrite psoriasica sono mal diagnosticati e individuati come pazienti con la gotta, a causa di elevati livelli di acido urico nel sangue.

Psoriasi e artrite psoriasica: per un paziente su due compromessa la qualità di vita

  • sulfasalazina;
  • immunosoppressori, come il metotressato a dosi limitate;
  • immunomodulatori, come la ciclosporina A.

Infine, tutti i cambiamenti localizzati sulle articolazioni periferiche e sulla colonna vertebrale supportano la diagnosi di artrite psoriasica.

Si sa invece di meno sugli effetti epatici di questo farmaco in chi lo assume per contrastare la psoriasi e l’artrite psoriasica. Antonella Sparvoli Artrite psoriasica: quali sono le cause, i sintomi e la cura? Le cause dell’artrite psoriasica non sono ancora conosciute in tutto e per tutto. Alla comparsa di segni e sintomi, contattate il medico che effettuerà la diagnosi e prescriverà la giusta terapia, dopo aver eseguito degli esami e delle analisi. L’artrite psoriasica potrebbe, inoltre, portare alla perdita di massa ossea, dunque di aiuto è anche la mineralometria ossea computerizzata per valutare la presenza o meno di osteoporosi. È importante che il paziente che soffre di psoriasi si ricordi di informare, il prima possibile, il proprio medico della comparsa di una eventuale sintomatologia dolorosa a carico delle articolazioni. Il 40% dei casi pazienti con artrite psoriasica ha parenti affetti da artrite o da psoriasi: questa osservazione suggerisce che fattori genetici o ambientali favoriscano l’insorgenza della malattia. Forma di artrite molto simile alla reumatoide, che insorge in soggetti portatori di una patologia cutanea denominata psoriasi. L’artrite psoriasica è una malattia insidiosa che colpisce entrambi i sessi, anche se è stata notata una leggera prevalenza di questa patologia nel sesso maschile.

Artrite psoriasica: malattia reumatica infiammatoria cronica associata alla psoriasi

  • L’artrite psoriasica non ha risposto ad almeno due tipi diversi di DMARD
  • Il paziente è intollerante ad almeno due tipi diversi di DMARD

In rarissime circostanze viene fatta la diagnosi di artrite psoriasica anche se la psoriasi è assente; si parla in questi casi di artrite psoriasica sine psoriasi.

Si deve inoltre considerare che l’artrite psoriasica è una patologia a carattere progressivo e le articolazioni coinvolte possono essere sempre di più. Altri segni sono la dattilite (manifestazione caratteristica delle spondiloartriti e popolarmente nota come dito a salsicciotto) e le tipiche lesioni desquamanti che caratterizzano la psoriasi. Come il nome stesso lascia presagire, è spesso associata a psoriasi; in particolare, colpisce circa il 30% dei soggetti affetti da questa malattia infiammatoria della pelle. L’artrite psoriasica è tipicamente associata alla psoriasi e alla relativa predisposizione familiare. Nella maggioranza dei casi, questa malattia cutanea precede l’insorgenza dell’artrite psoriasica; meno frequente è invece la situazione opposta (esordio della condizione articolare in contemporanea alla psoriasi o prima di essa). Generalmente, in caso di artrite psoriasica, compare almeno uno dei seguenti sintomi: L’impatto dell’artrite psoriasica sulla qualità della vita dipende dalle articolazioni interessate e dalla gravità dei sintomi. Un reumatologo può definire con precisione il quadro clinico del paziente, avvalendosi di anamnesi, esami fisici, analisi del sangue e tecniche di imaging (risonanza magnetica e radiografie). Le analisi ematochimiche possono essere effettuate per escludere altri tipi di artrite che presentano segni e sintomi simili, tra cui la gotta, l’osteoartrite e l’artrite reumatoide. Nei pazienti con artrite psoriasica, gli esami del sangue possono rivelare una lieve anemia (diminuzione dell’emoglobina e globuli rossi).

Nuovi farmaci per psoriasi, artrite psoriasica, epatite C, ca gastrico e obesità

  • farmaci tradizionali, quali il methotrexate, la leflunomide e la sulfasalazina,
  • farmaci biologici diretti a bloccare il TNF alfa, molecola centrale dell’infiammazione.

Un buon controllo della psoriasi può essere utile nel trattamento dell’artrite psoriasica: alcuni protocolli terapeutici sono approvati per la gestione contemporanea di entrambe le condizioni.

Fra la manifestazione clinica e quella articolare non ci sono correlazioni: l’artrite può comparire o peggiorare quando la psoriasi migliora ma può accadere il contrario. Una diagnosi e trattamento dell’AP possono aiutare a prevenire o limitare il danno articolare che compare negli stadi avanzati della malattia. I farmaci biotecnologici approvati per il trattamento dell’artrite psoriasica sono: infliximab (Remicade), l’adalimumab (Humira), etanercept (Enbrel), golimumab (Simponi), certolizumab (Cimzia). Nel 84% dei pazienti la psoriasi e’ migliorata del 75% nelle successive settimane al trattamento di elioterapia, sia le forme di psoriasi guttata che di artrite psoriasica. In certi casi l’artrite psoriasica si manifesta senza la psoriasi. Il principale fattore di rischio per l’artrite psoriasica è la familiarità, ovvero chi ha un parente in famiglia affetto dalla psoriasi ha maggiori probabilità di contrarre la patologia. Circa il 15 % delle persone con la psoriasi si ammala di artrite psoriasica. Inoltre, una percentuale significativa di questi pazienti ha l’artrite psoriasica ungueale in cui le unghie sono ispessite, bucherellate, più bianche, sollevate dal letto ungueale con delle strie trasversali. L’artrite psoriasica può danneggiare anche gli organi interni, oltre agli occhi può provocare l’infiammazione dell’aorta e delle altre arterie.

Esami di laboratorio per l’artrite psoriasica Dove curarsi?

I farmaci usati per l’artrite psoriasica sono: Terapia biologica La terapia manuale non può curare l’artrite psoriasica, ma i pazienti con problemi cronici possono ridurre la rigidità, aumentare la forza e migliorare la qualità della vita. Come la psoriasi, l’artrite psoriasica è una patologia cronica che peggiora progressivamente. In caso di artrite psoriasica mutilante, le articolazioni sono deformate permanentemente, per questi pazienti può essere necessario un intervento chirurgico di artroprotesi. La prognosi e il decorso della malattia varia da individuo ad individuo e dipende anche dalla forma di artrite psoriasica che colpisce il paziente. Una volta diagnosticata la malattia si procede alla scelta della terapia più adatta in base al tipo di psoriasi, alla gravità e all’estensione del disturbo. I sintomi possono essere lievi o gravi e, come nella psoriasi, possono alternarsi a periodi di remissione, in cui l’artrite si risolve spontaneamente. Humanitas ha grande interesse nell’artrite psoriasica e prepara percorsi dedicati alla malattia accanto a studi di ricerca di laboratorio per scoprirne la causa. La diagnosi viene posta dal medico sulla base dei sintomi del paziente, sulla sua storia clinica e alcuni esami di laboratorio.