Artrosi deformanti alle dita delle mani

Posted on

articolazioni metacarpo-falangee (quelle che uniscono le dita alla mano), e

di mani e polsi, il 90% delle persone con artrite reumatoide vedono i piedi e che uniscono la falangi delle dita, specialmente quelle dell’alluce. iniziali dell’artrite e riguardano l’ 80% delle persone con questa malattia. «A 37 anni ho cominciato a sentire i primi dolori alle articolazioni , vicino alla base delle dita», racconta Eleonora Giorgi. Ma la sua malattia, l’artrite, gli aveva deformato le dita (scopri qui le differenze tra artrite e artrosi). E anch’io, a 37 anni, ho iniziato a sentire i primi dolori alle articolazioni della mano, vicino alla base delle dita. Bisognava aprire la bottiglia, però… Sembra facile, ma non se hai l’indice della mano destra gonfio e bloccato dal dolore. ARTRITE, LE CAUSE ANCORA NON SONO CHIARE L’artrite si manifesta con l’infiammazione di una o più articolazioni (mani, ginocchia, ma non solo). C’è poi anche il caratteristico dito a «salsicciotto» (o dattilite), caratterizzato da dolore e gonfiore alle dita delle mani o dei piedi.

Dolore, bruciore, gonfiore, rigidità articolare sono i sintomi più tipici dell’artrite reumatoide. Vediamo come trattarla

  • essere di natura infettiva
  • dipendere da traumi più o meno prolungati
  • avere una origine reumatica
  • essere, come nel caso dell’artrite reumatoide, una malattia autoimmune.

Le articolazioni interfalangee distali sono quegli elementi articolari interposti tra le seconde e le terze falangi delle dita.

I noduli di Heberden sono caratteristici rigonfiamenti ossei, che si formano tra le articolazioni interfalangee distali delle mani delle persone sofferenti di artrite. Nota bene: per meglio comprendere la posizione esatta delle articolazioni interfalangee distali e l’anatomia della mano, i lettori possono consultare l’articolo presente qui. L’osteoartrite può colpire qualsiasi articolazione; tuttavia, ha una predilezione particolare per le articolazioni delle mani, le ginocchia, le anche e le articolazioni della colonna vertebrale. Alcuni dei sintomi e segni tipici dell’artrosi sono: dolore, rigidità articolare, gonfiore, ridotta capacità di movimento e presenza di osteofiti. Nei casi più gravi, si estendono fino quasi alle unghie e inducono uno storcimento delle dita delle mani. I sintomi e i segni che accompagnano i noduli di Heberden sono: Chi soffre di noduli di Heberden ha evidenti difficoltà a tenere in mano o stringere gli oggetti. Caratteristica è anche la sensazione di rigidità articolare prolungata (oltre mezz’ora) al mattino, al risveglio, più tipica a carico delle mani. Anche le deformazioni ossee caratteristiche dell’artrosi sono in genere ben distinguibili da quelle dell’artrite reumatoide. A peggiorare questi sintomi sono spesso i carichi eccessivi o prolungati delle articolazioni, ma anche variazioni del tempo e della temperatura.

Bumps apparendo articolazioni delle dita sono noti come nodi di Heberden ed urti presentato in calze articolazioni, le dita dei piedi sono chiamati noduli Bouchard .

  • Apri e chiudi la mano lentamente e con un movimento fluido;
  • Ripeti l’esercizio tutte le volte che sei in grado senza provare disagio;
  • Al termine, passa alla mano sinistra.

La patologia, infatti, può: Inoltre, ci sono anche casi in cui l’infiammazione cronica delle articolazione dipende da patologie dei tessuti connettivi, come ad esempio il Lupus Eritematoso Sistemico.

L’artrosi delle articolazioni interfalangee è anti-estetica e dolorosa, le dita diventano deviate con dei noduli fibrosi, in questo caso sono più colpite le donne. Quali sono le cause dell’artrosi alle mani e alle dita? Rizoartrosi, radiografia in proiezione laterale Il medico valuta le condizioni del paziente, cerca deformità o noduli di Heberden nella mano e prova a muovere le dita ascoltando eventuali scrosci articolari. Il trattamento per l’artrosi della mano e delle dita serve per alleviare il dolore e ripristinare la funzionalità. I terapisti possono insegnare ad utilizzare alcuni strumenti speciali per assistere le persone con artrosi alle mani mentre eseguono attività quotidiane. L’artrosi della mano non si può diffondere ad altre parti del corpo. La chirurgia è indicata quando il paziente ha perso molta funzionalità della mano o se ha troppo dolore. Facebook Twitter Google+ Pinterest L’artrosi alle mani è una condizione infiammatoria cronica, che si caratterizza per la degenerazione progressiva e inesorabile della cartilagine appartenente alle articolazioni delle dita della mano. Tra i sintomi ei segni tipici dell’artrosi alle mani, rientrano: la rigidità articolare, il dolore, il gonfiore, la ridotta mobilità articolare e i noduli di Heberden.

Il Sintomi di artrite all’inizio solitamente dolore e rigidità articolare, talvolta dolore alle mani , ginocchia, spalle o, costi in movimento, includono alcune infiammazioni arrossamento, calore, dolore o gonfiore.

  • Ridurre il dolore durante il piegamento delle dita;
  • Ristabilire una parte della mobilità articolare delle dita.

Culminante con 5 dita, la mano è l’estremità distale di ciascun arto superiore del corpo umano.

Noduli di Heberden - Immagine da en.wikipedia.org Chi soffre di artrosi alle mani ha evidenti difficoltà a tenere in mano e/o stringere gli oggetti. In genere, per una diagnosi corretta di artrosi alle mani sono sufficienti un accurato esame obiettivo e un’attenta anamnesi. Brevemente, gli scopi principali dei trattamenti sintomatici per l’artrosi alle mani sono: La terapia sintomatica per l’artrosi alle mani può essere conservativa (o non chirurgica) oppure chirurgica. Sono delle piccole abitudini che associate alla cura farmacologica aiuteranno ad avere il pieno recupero della funzionalità articolare. La terapie per l’artrite reumatoide, se viene iniziata presto, consente il regresso completo dei sintomi e il pieno recupero della funzionalità delle articolazioni. Oltre al dolore alla mano, la sindrome del tunnel carpale provoca senso di intorpidimento e formicolio al polso, al palmo della mano e alle dita. Tra le principali forme di artrite che possono provocano dolori alle mani, meritano una citazione particolare l’osteoartrite (o artrosi) e l’artrite reumatoide. Per approfondire: Le cisti tendinee (o cisti sinoviali) alle mani sono rigonfiamenti pieni di liquido, che si formano a ridosso dei tendini (guaine tendinee) o delle articolazioni (capsule articolari). Le sedi più comuni delle cisti tendinee alle mani sono i polsi; tuttavia, possono sviluppare tali problematiche anche la parte centrale delle mani (palmo e dorso) e le dita.

Cosa fare? Quali sono le cure per l’artrosi della mano?

Le sedi precise del dolore alla mano, indotto dalla sindrome di De Quervain, sono: la faccia esterna del polso e la base del pollice.

Il disturbo può colpire più dita contemporaneamente e coinvolgere entrambe le mani. Le precise sedi del dolore alla mano, indotto dal dito a scatto, sono: il palmo e il polso. Oltre al dolore, altre manifestazioni cliniche tipiche sono la rigidità articolare del o delle dita interessate e la formazione di un nodulo alla base del o delle dita colpite. Per approfondire: Le fratture ossee alle mani sono infortuni di natura, per lo più, traumatica, che consistono nella rottura di uno o più ossa costituenti lo scheletro delle mani. Oltre al dolore alla mano, altri sintomi tipici sono: senso di rigidità, gonfiore e ridotta mobilità. L’artrosi della mano è la distruzione lenta ma continua del tessuto cartilagineo delle molteplici articolazioni delle ossa di quest’arto. Analizziamo i sintomi con cui si manifesta l’infiammazione della cartilagine e le cure per alleviare il dolore che vanno dai farmaci agli esercizi di riabilitazione. La mano è costituita da 8 ossa carpali che uniscono il polso alle falangi, 5 ossa metacarpali che uniscono il carpo alle falangi e 14 falangi o ossa delle dita. Data la molteplicità di ossa, egualmente molteplici sono le articolazioni che consentono il movimento della mano.

Artrosi della mano: tipi, sintomi, cause, cure ed esercizi di riabilitazione.

L’artrosi della mano, come ogni tipo di artrosi può essere definita: Primaria o idiopatica se causata da fattori genetici e la causa non è nota.

I sintomi dell’artrosi della mano si sviluppano gradualmente e nella forma erosiva sono accompagnati da vistose deformazioni delle dita (noduli di Heberden o Bouhard). La cura per l’artrosi della mano è generalmente una terapia con farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) per la remissione del dolore. L’esercizio deve essere equilibrato e costante per rendere elastici i legamenti e più mobili le articolazioni del polso e delle dita. Esercizio 1: aprire le mani, piegare le dita a pugno, riaprire le mani. Esercizio 3: congiungere l’estremità delle dita delle due mani esercitando una forte pressione, poi aprire le mani. Nelle zone di attrito, come i piedi, i gomiti, la porzione posteriore del tallone  e delle le mani, si possono sviluppare dei noduli sottocutanei. Ma la sua malattia, l’artrite, gli aveva deformato le dita. Se soffri di artrite alle mani, probabilmente hai un’infiammazione in una o più articolazioni delle mani o dei polsi. Metodo 3 1 Tieni la mano dritta in una posizione comoda e rilassata con tutte le dita e il pollice ben dritti.

2 Punta la mano destra verso l’alto con tutte le dita ben dritte e le une vicino alle altre.

Piega solo la prima e seconda nocca, mantenendo la mano e le dita dritte. 3 Appoggia la parte esterna di dita, mano e polso destri su una superficie piana. Inizia tenendo la mano a 90° rispetto alla superficie con le dita ben dritte. Usando il pollice e le dita, curva la mano a forma di “C”, come se stessi tenendo la lattina di una bibita. 6 Appoggia la mano destra su una superficie piana con il palmo verso il basso, le dita dritte e leggermente distanziate tra loro. L’artrite poliarticolare, invece, indica che sono state colpite più di 4 articolazioni, più comunemente mani e piedi, ma potrebbero esserne coinvolte anche altre. Sintomi tipici dell’artrite reumatoide giovanile sono un gonfiore articolare persistente, dolore, limitazione nei movimenti e rigidità, soprattutto alla mattina. Appoggiate le mani sul tavolo e osservate se almeno tre dita sono gonfie. L’artrosi della mano è una malattia articolare cronico-degenerativa, cioè che tende a progredire nella sua gravità con il tempo e contemporaneamente ad assumere un carattere di forma permanente.

I fattori prognostici negativi includono: Uno studio del 2006, sostiene che l’artrite reumatoide riduca la durata della vita delle persone da circa 3 a 12 anni.

Altri sintomi caratteristici della patologia sono: Dal punto di vista terapeutico, esistono diverse soluzioni per alleviare il dolore e ripristinare le funzioni naturali della mano e delle dita. Fino a questi livelli l’artrosi alle mani provoca meno sintomi e non presenta deformazioni. E’ un disturbo che colpisce prevalentemente le persone anziane ed infatti l’artrosi alle mani potrebbe venir definita anche come un invecchiamento articolare. A mano a mano che l’artrosi alle mani avanza, ogni articolazione tende all’irrigidimento ed i movimenti diventano limitati. Questa tipologia di artrosi alle mani potrebbe anche generare una protuberanza di natura ossea tendente all’esterno, causata da una sublussazione del primo metacarpo. L’artrite reumatoide giovanile (o infantile), è una forma simile a quella che colpisce gli adulti, ma i soggetti colpiti sono bambini che hanno meno di 16 anni. Sintomi dell’artrite Reumatoide Anche se l’artrite reumatoide può coinvolgere diverse parti del corpo, le articolazioni sono sempre interessate. L’ultima fase dell’artrite reumatoide è l’erosione ossea, la distruzione dell’articolazione e l’unione delle due ossa che compongono la giuntura. La distruzione dell’articolazione e dei tendini può portare a deformità come deviazione ulnare, deformità a boutonniere oppure a collo di cigno, dita a martello e anchilosi.

L’infiammazione delle articolazioni è un segno distintivo dell’Artrite Reumatoide che comprende anche: Rigidità.

Le mani sono quasi sempre interessate, anche se qualsiasi articolazione può essere affetta dall’artrite reumatoide: ginocchia, anche, polsi, collo, spalle, gomiti e la mascella. La formazione di questa deformità inizia con la rottura del tendine estensore delle dita a livello dell’articolazione interfalangea distale. L’Artrite Reumatoide non è letale, ma le complicazioni della malattia possono accorciare la sopravvivenza di alcuni individui. In generale, L’artrite Reumatoide è progressiva e non si può guarire definitivamente, ma in alcuni pazienti la malattia diventa gradualmente meno aggressiva e i sintomi possono migliorare. L’artrite reumatoide può causare infiammazione della membrana di rivestimento intorno al cuore (pericardite), ma di solito non dà sintomi. Gli occhi sono colpiti in meno del 5% delle persone affette da artrite reumatoide. Le ferite oppure l’uso eccessivo possono causare l’artrosi nelle articolazioni come quelle delle ginocchia, del femore o delle mani. Una delle parti del corpo più colpite dai diversi tipi di artrite sono le mani. Molti non sanno che l’olio di ricino è un alleato eccezionale per ridurre il dolore e l’infiammazione provocati dall’artrite alle mani.

Per ridurre il dolore e l’infiammazione dell’artrite alle mani, si consiglia di usare questo olio per un massaggio delicato.

Le zone del corpo più a rischio di soffrire di artrite sono le mani e i polsi. Nel caso dell’artrite che colpisce i polsi e le mani, vi consigliamo anche di fare un leggero massaggio usando l’olio d’oliva. Le manifestazioni cliniche iniziali riguardano principalmente le articolazioni delle dita delle mani e i polsi, con interessamento solitamente simmetrico. A livello delle mani le sedi più colpite dall’artrite sono le articolazioni metacarpofalangee e interfalangee prossimali e i polsi. Oltre alle articolazioni, l’artrite può colpire anche i tendini circostanti causando deformità alle dita delle mani. Questi esercizi aiutano la flessione e donano sollievo alle articolazioni della mano, possono essere eseguiti ovunque e sono davvero efficaci se fatti anche più volte al giorno. Una volta che formi il pugno, apri la tua mano fino a quando le dita sono dritte. Lentamente piega il pollice verso il basso fino a toccare il palmo della mano, mantenendo le altre dita più dritte possibili. Inizia tenendo la mano dritta, con il palmo rivolto verso di te con le dita leggermente divaricate. Lentamente curva le dita fino a sfiorare la parte superiore del palmo della mano, come un artiglio o un gancio. Mettere la mano piatta su un tavolo con il palmo verso il basso e le dita divaricate tra loro.